• quando visitare il Louvre

Visitare il Louvre: quando andare e come evitare le code

Visitare il Louvre: quando andare e come evitare le code

Non è solo un museo. Ma è un luogo mitico per l’arte che ospita alcune delle opere più famose del mondo (ne citiamo solo un paio: la Gioconda e la Venere di Milo). Ecco perché è, comprensibilmente, spesso affollato ai limiti dell’isteria. E le code sono oceaniche. Prima di visitare il Louvre, quindi, occorre sapere quando andare e come evitare le code ricordando che la maggior parte delle guide consiglia di arrivare presto (le porte si aprono alle 9 del mattino).

Tutto giusto: ma siamo a Parigi il problema è che tutti leggono le guide e i grandi scrittori che hanno cantato la città e quindi tutti scelgono di fare la stessa cosa. Il nostro consiglio quindi è invece quello di arrivare dopo le 15 evitando le lunghe attese del mattino. Ancora meglio, venite dopo le 18 di mercoledì o di venerdì per l’apertura serale che si protrae fino alle 21.45. E così avrete tutto il tempo per vedere le opere più importanti in relativa pace e godendo finalmente l’atmosfera di questo luogo dedicato alla bellezza. Ma quali sono invece i giorni da evitare? Ovviamente il martedì, quando il Louvre è chiuso e la prima domenica del mese da ottobre a marzo quando la folla accorre per l’ingresso libero e gratuito. Il biglietto in questo caso è davvero ben speso.

Quando andare e evitare le code al museo del Louvre

Visitare il Louvre: ecco l’accesso segreto

Volete comunque scegliere la visita nelle ore della mattina? Il museo ha appena rinnovato l’ingresso principale, quello sotto la famosa piramide, quindi le code si muovono più velocemente che in passato. Ma c’è un modo ancora più rapido per entrare nel museo. Ovvero attraverso un ingresso segreto che si chiama Porte des Lions e si trova nell’ala Denon. Per raggiungerlo passate oltre la Piramide verso la Senna, svoltando a destra prima dell’arco che conduce al giardino delle Tuileries dove spiccano due statue di leoni. Non è un ingresso facile da vedere (e infatti non ci sono code), ma in questo modo eviterai lunghe attese. Tra l’altro questo è anche l’ingresso più vicino alla Gioconda, quindi puoi battere tutti e goderti per primo per il suo misterioso sorriso.

Le guide, ti diranno di comprare i biglietti online per risparmiare tempo in coda. E’ vero ma ci sono anche altri metodi poco noti per visitare il Louvre: il primo è quello di puntare verso il centro commerciale sotterraneo Carrousel du Louvre che si trova al civico 99 di Rue de Rivoli che accoglie una delle biglietterie del museo. Anche qui c’è folla? Allora prova a comprare il tuo biglietto alla tabaccheria Civette du Carrousel al livello zero (Allée de France, dalle 9). Non lo conosce praticamente nessuno e non si incontrano mai lunghe attese.

Quando andare e evitare le code al museo del Louvre

Visitare il Louvre: e sapere dove mangiare

Abbiamo parlato di quando visitare il Louvre ed evitare  le code: ma resta il capitolo del cibo. Ora, le brasserie di Parigi sono tante e splendide e la scelta è infinita. Ma se vorrete fare uno spuntino all’interno potrete farlo per superare la fatica delle 35mila opere esposte. Una scelta che ci sentiamo di suggerire è quella al Café Mollien che si trova al primo piano dell’ala Denon. Il cibo non è eccessivamente costoso rispetto ad altri ristoranti all’interno del Louvre e a differenza di altre zone di ristoro, senza fascino e carattere come quelle che si trovano sotto la Piramide, ha un suo garbo con un contesto di cariatidi, un soffitto dipinto e anche una terrazza resa suggestiva dalle statue. E la piramide è comunque ai vostri piedi.

mostra sui Longobardi a Pavia

La mostra sui Longobardi a Pavia: i barbari e la storia d'Italia

Cosa vedere a Liverpool

Cosa vedere a Liverpool, la città del calcio e dei Beatles

Trackback from your site.

Giornalista professionista, è responsabile delle pagine di viaggi e turismo del quotidiano Gazzetta di Parma. Da tempo è convinto che l'unica parte spiacevole di ogni viaggio sia preparare la valigia. Ha scritto - e fotografato - per Panorama Travel, Viaggiando, That’s Italia, Corriere.it, I viaggi di Repubblica, Ilturista.info. Adora i salumi italiani, il mare della Grecia, le birre belghe, i romanzi americani e le moto tedesche.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici e rimani sempre aggiornato!