• Dove mangiare sull'isola di Koh Samui in Thailandia

Dove mangiare sull’isola di Koh Samui in Thailandia

Dove mangiare sull’isola di Koh Samui in Thailandia

Aragoste e Alberto Sordi. Le prime sono le protagoniste assolute del trionfo di squame e chele che strabordano dai banconi dei posti dove mangiare sull’isola di  Koh Samui in Thailandia. L’attore, in versione Nando Meniconi, invece, incombe in formato sei metri per tre sulla via principale di Chaweng profanato come insegna per un locale «tricolore» a due passi dal ristorante Grazie, dalla pizzeria “Al dente” o dalla trattoria “Casa mia”. Il culto della gola sull’isola può contare su una legione di templi: peccato che per la maggior parte siano chiese d’importazione. Italiani, francesi, bistrot vagamente mediterranei: quasi tutti i locali più eleganti, quelli affacciati su Chaweng Beach road, offrono un mix di cucine indecise e ibride per compiacere turisti in cerca dei rassicuranti sapori di casa. Riprodotti, più o meno, fedelmente. L’ambientazione certo è curatissima, le candele sono una costellazione, le atmosfere sono da lounge metropolitano. Peccato, però, che nei menu si possa inciampare nella «capresse» o nel «formaggio mortadella».

Dove mangiare sull'isola di Koh Samui, in Thailandia

Dove mangiare sull’isola di Koh Samui in Thailandia: meglio le bancarelle

Assai più interessante allora è infilarsi nei soi, i vicoli laterali spesso non lastricati, perennemente in chiaroscuro. E andarsi a cercare piccoli locali più onestamente thai. Dove, tra l’altro, per meno di dieci euro potrete gustare un pasto completo di diverse portate. E scegliendo il granchio (quello blu è davvero autoctono) eviterete di mangiare aragoste importate dall’altra parte della Thailandia. I piatti sono quelli soliti della splendida cucina locale: il riso è la base del saporito khao phad , il gusto che domina è il piccante, i gamberi della zuppa tom yum kung sono enormi e dolci. In più ci sono i kaeng massaman di origine malese.

Una contaminazione imperdibile. Per assaggiarli, le zone migliori di Koh Samui sono le laterali tra Chaweng Beach road e la parallela nell’interno. Non aspettatevi servizi stellati, però: le luci sono neon sfarfallanti, le tovaglie pura plastica e i tovaglioli solo un’ipotesi. Al meglio sono kleenex. Ma anche qui seguite la filosofia thai: si mangia con gli occhi. E quello da osservare è il contenuto dei piatti. Non ciò che c’è intorno.

Dove mangiare sull'isola di Koh Samui, in Thailandia

Dove mangiare sull’isola di Koh Samui in Thailandia: gli indirizzi

Spirit House Restaurant
155/60 Moo 2, Chaweng, tel. 77414101
spirithousesamui.com
Ambiente elegante, musiche soffuse e cucina thai addolcita per palati farang (come chiamano qui gli stranieri), che non reggono il piccante. Cena completa sui 40 euro. È in centro a Chaweng, ma non sulla strada principale.

Khaosan Restaurant
Bakery 4/33 Moo 2, Chaweng Beach Rd, tel. 77231023
Chi non se la sente di abbandonare qualche sapore più conosciuto, può provare questo locale che, oltre ai piatti thai, offre anche pane e dolci. Per pranzare si spendono meno di 10 euro.

89 baht BBQ Samui Ring Road
vicino al Fair House Resort, Chaweng
Ristorante semplice e specializzato in grigliate. È molto frequentato dai locali e vi si può cenare con 2 euro: anche esagerando, il prezzo sale di poco.

Krua-Thai Seafood Restaurant
Pang Bua Market Chaweng Food Center
Uno dei tanti locali nei pressi di questo mercato abbastanza centrale. La scelta è tra i classici piatti della cucina thai: sapori intensi e prezzi bassi. Se si vuole il vero piccante basta chiederlo

Cosa vedere e quali spiagge a Leros, nel Dodecaneso

Cosa vedere e quali spiagge a Leros nel Dodecaneso

Parchi americani della California, dallo Yosemite alla Death Valley.

Parchi americani della California: cosa vedere dallo Yosemite alla Death Valley.

Trackback from your site.

Giornalista professionista, è responsabile delle pagine di viaggi e turismo del quotidiano Gazzetta di Parma. Da tempo è convinto che l'unica parte spiacevole di ogni viaggio sia preparare la valigia. Ha scritto - e fotografato - per Panorama Travel, Viaggiando, That’s Italia, Corriere.it, I viaggi di Repubblica, Ilturista.info. Adora i salumi italiani, il mare della Grecia, le birre belghe, i romanzi americani e le moto tedesche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici e rimani sempre aggiornato!