Cosa vedere a Uppsala in Svezia, la città di Linneo e Bergman

Cosa vedere a Uppsala in Svezia, la città di Linneo e Bergman

E’ una città ma si compiace di essere immersa nella natura, si vanta della sua storia ma poi il ritmo di vita lo danno i giovani, preferisce come mezzo di trasporto la bicicletta ma è a soli 18 minuti di viaggio dall’aeroporto. E’ Upssala, la quarta città della Svezia che però si pavoneggia della sua personalità sbarazzina di una cittadina di provincia. Per capire cosa vedere a Uppsala in Svezia occorre partire dallo spirito leggero di questa città a circa 70 km da Stoccolma la cui storia risale ai tempi dei Vichinghi e che merita una visita per godere delle stradine tortuose del centro storico dove  si vive piacevolmente e sono tante le occasioni per conoscere e incontrare persone nei molti caffè e locali sempre affollati di quella che viene considerata la Oxford della Svezia vista la presenza di trentamila studenti iscritti alla università che vanta un notevole blasone visto che è stata fondata nel 1477.

cosa vedere a Uppsala in Svezia

Ma non solo studio: qui c’è anche la storia. La regina Cristina, nel 1600, portò qui la sua corte ed ancora oggi qui si trova la  sede dell’arcivescovo: il che  la rende capitale ecclesiastica della Svezia.
La città, situata sulla punta settentrionale del lago Mälaren, è anche un luogo pieno di natura, con la presenza di grandi parchi ma questo non sorprende se si considera che questa è stata la città natale del botanico del più famoso del mondo, Carl von Linné noto anche come Carlo Linneo. Infine  gli appassionati di cinema sanno che Uppsala è stato  il luogo di nascita del grande regista Ingmar Bergman che ha scelto Uppsala come ambientazione per uno dei suoi film più classici, Fanny e Alexander.

cosa vedere a Uppsala in Svezia

Cosa vedere a Uppsala in Svezia: la cattedrale

Oltre che un monumento di grande importanza è anche un punto di riferimento: la città di Uppsala è tagliata in due dal fiume Fyrisån:   il centro storico si trova a ovest  del fiume e la parte nuova e commerciale a est. In ogni caso però se ci dovesse perdere basta alzare gli occhi per vedere la parte più alta della cattedrale. E la strada quindi è già ritrovata. Scherzi a parte, la cattedrale,  consacrata nel 1435, a più volte modificata nel corso dei secoli, è al primo posto nella lista di cosa vedere a Uppsala in Svezia. L’interno della cattedrale è imponente e austero con in primo piano il sontuoso pulpito barocco settecentesco  scolpito da Burchard Precht su disegno di Nicodemus Tessin il Giovane. All’estremità del coro si trova la cappella sepolcrale e la tomba del re Gustavo Adolfo  ma qui nella cattedrale sono stati sepolti anche Carl von Linné, l’arcivescovo Nathan Söderblom e il filosofo Emanuel Swedenborg.  Visitando la cosiddetta Camera d’argento si possono ammirare i tesori della chiesa tra cui la teca dorata di Re Eric IX ucciso dai danesi nel 1160 e una veste di broccato d’oro che apparteneva alla regina Margherita, che fu regina di Danimarca, Norvegia e Svezia.

cosa vedere a Uppsala in Svezia

Lo abbiamo detto, quella di Uppsala è una università molto antica. E all’interno di quello fu l’ex edificio principale dell’Università si trova oggi il Museo Gustavianum, voluto dal re Gustavo Adolfo. Oggi questa esposizione è tra ai primi posti dell’elenco di cosa vedere a Uppsala perché  contiene le collezioni dell’università stessa, il Museo delle Antichità nordiche, il Museo egizio e un teatro anatomico, che risale al 1660. Le mostre permanenti comprendono reperti vichinghi come gioielli di inestimabile valore, medaglie, e spade appartenute ai primi abitanti di queste terre. Proseguendo la visita alla zona dell’Università si entra nel cuore della storia della cultura e del sapere della Svezia.

cosa vedere a Uppsala in Svezia

I cosiddetti edifici universitari “nuovi” sono stati costruiti in un sontuoso stile romano-rinascimentale tra il 1879-1886 e esprimono una evidente volontà di grandeur. Lo si nota già dall’ingresso che conduce poi al grande auditorium e al salone principale che può ospitare circa 1800 persone. Numerosi ritratti  alle pareti rendono omaggio ai grandi personaggi della cultura e, soprattutto, ai  più celebri professori universitari. Tra le altre cose da vedere ci sono i giardini, il Museo Paleontologico che ospita scheletri di  dinosauri e soprattutto la biblioteca che  è la più grande della Svezia con oltre cinque milioni di  volumi e più di 30.000 manoscritti. Il  tesoro della biblioteca,  in esposizione permanente, è il famoso Codex Argenteus che risale al 6 ° secolo.

cosa vedere a Uppsala in Svezia

Proseguendo il nostro itinerario tra cosa vedere a Uppsala in Svezia, vicino alla cattedrale, si trova la Chiesa della Santissima Trinità  che risale al 1300. Anche se la costruzione risale al Medioevo, il pulpito, i  banchi  e tre vetrate del presbiterio sono invece dell’inizio del 1900 quando la struttura venne sottoposta a pesanti. Gli affreschi invece sono originali risalenti e molti sono attribuiti ad Albertus Pictor: anche se tedesco di nascita Pictor si stabilì in Svezia diventando il più famoso artista del paese.

cosa vedere a Uppsala in Svezia

Cosa vedere a Uppsala in Svezia: il castello

Si respira la storia  guardando il castello, che merita di essere visitato anche perché la vista che si gode dalle mura su Uppsala e sulla campagna circostante è particolarmente  suggestiva. Molti degli eventi che hanno dati vita alla Svezia che conosciamo si sono svolti tra queste mura. Nel 1567, ad esempio,  uno squilibrato e paranoico Re Eric XIV ordinò l’esecuzione di un gruppo di nobili in quello che divenne uno degli episodi più noti nella storia del paese. Nel 1654, sempre nel castello,  avvenne l’abdicazione della regina Kristina, diventata poi un personaggio hollywoodyano grazie alla interpretazione di  Greta Garbo nel film  omonimo. Alcune altre attrazioni circondano il castello così come diverse piacevoli passeggiate. Una passeggiata da percorrere è anche quella che dal castello corre verso nord ovest in direzione del giardino di Linneo, creato dal più famoso botanico del  mondo. Qui si trova il museo, che una volta era la sua casa e che ospita una mostra dedicata alle sue ricerche  oltre ad esporre gli effetti personali e gli oggetti  raccolti nel corso della vita. Gestito dal 1937 dalla Società Linneo, questo è un luogo integralmente dedicato all’opera del botanico e alla scienza. Non perdete poi l’occasione per  una passeggiata attraverso i magnifici giardini.

cosa vedere a Uppsala in Svezia

Cosa vedere a Uppsala in Svezia: i ricordi dei tempi lontani

Poche popolazioni al mondo fanno vita all’aria aperta tanto quanto gli svedesi; almeno quando il sole  respinge la lunga notte invernale scandinava. Lo Stadsträdgården (ovvero il parco della città) è stato sviluppato nel tardo 19° secolo ed è una tranquilla oasi in cui rilassarsi seguendo appunto l’esempio della gente del posto.  Qui è possibile fare una passeggiata tra gli alberi, concedersi un picnic, ammirare i fiori, che fioriscono durante la primavera e l’estate.  Nel bel mezzo di uno stagno di ninfee che si trova nel parco c’è anche una isoletta mentre intorno si trovano parchi giochi per i bambini, una caffetteria estiva e anche un teatro all’aperto. Proseguendo l’elenco di cosa vedere a Uppsala in Svezia arriviamo all’Uppland County Museum, ospitato in un vecchio mulino che risale al 1760. L’Uppland County Museum  fornisce al visitatore un quadro completo sulla cultura, l’artigianato e la storia di  questa parte della Svezia ma il mulino è famoso anche per essere stato usato come set, nel 1982, da Ingmar Bergman per il  film Fanny e Alexander.

cosa vedere a Uppsala in Svezia

Il museo, aperto nel 1909, ospita anche una serie di  mostre temporanee di fotografia e eventi legati al  folklore.  Infine la nostra guida di cosa vedere a Uppsala in Svezia non può dimenticare Gamla Uppsala che si trova a circa  quattro chilometri a nord della città. Questo luogo, da non confondere con la città vecchia  ed è composto da una serie di tombe antiche e in particolare da  grandi tumuli reali del VI secolo che spiegano che qui esisteva un tempio pagano  dove si svolgevano riti cruenti con sacrifici umani.  Questo luogo è poi diventato un luogo di culto cristiano  sorto quando i re locali si convertirono e fecero edificare una cattedrale di cui restano tracce  con sbiaditi affreschi , tombe e pietre scolpite.

 

guida di Toledo

Guida di Toledo in Spagna, la città dell'Alcazar e di El Greco

guida di beirut

Guida di Beirut: la capitale del Libano tra Oriente e Occidente

Trackback from your site.

Giornalista professionista, è responsabile delle pagine di viaggi e turismo del quotidiano Gazzetta di Parma. Da tempo è convinto che l'unica parte spiacevole di ogni viaggio sia preparare la valigia. Ha scritto - e fotografato - per Panorama Travel, Viaggiando, That’s Italia, Corriere.it, I viaggi di Repubblica, Ilturista.info. Adora i salumi italiani, il mare della Grecia, le birre belghe, i romanzi americani e le moto tedesche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici e rimani sempre aggiornato!