• Cose da vedere a Cefalonia

Cose da vedere a Cefalonia: le spiagge e i paesi sull’isola ionia

Cose da vedere a Cefalonia: le spiagge e i paesi sull’isola ionia

In Grecia le isole sono tutte belle. Ma, anche in un paese cosi fortunato, Cefalonia è speciale perché non è facile trovare un insieme così affascinante di montagne e villaggi che paiono dimenticati, siti archeologici e tanto mare. E se non vi basta questo come assaggio delle cose da vedere a Cefalonia allora siete davvero incontentabili. Quest’isola, la più grande delle Ionie, è particolare anche perché unisce il meglio di due colori: il verde e il blu. E in tutte le sfumature possibili. Qui il verde delle sue montagne si fonde con il blu – anzi, le tante sfumature di blu – della sua acqua spiegando perché è una destinazione tanto amata.

Pini e cipressi coprono le vette del monte Ainos mentre più in basso si susseguono i vigneti che producono una varietà di vino molto amata. Se invece amata la vita da mare e vedere il mondo dietro il vetro di una maschera troverete quello che cercate. Potreste avere anche la possibilità di incontrare le rare tartarughe marine che si rifugiano qui e – ma questo è davvero rarissimo – anche una delle ultime foche monache che resistono nel Mare Nostrum. A questo si aggiunge una ricca tradizione culinaria, villaggi sonnolenti e tutti da scoprire ma anche una piacevole vita notturna per chi non vuole dormire presto. E la lista delle bellezze e delle cose da vedere a Cefalonia potrebbe continuare.

Cose da vedere a Cefalonia

Da scoprire e vedere a Cefalonia: una storia difficile

Ma questa non è sempre stata una terra baciata dal sole e dalla fortuna: nel 1940 i soldati italiani conquistarono Cefalonia ma dopo l’8 settembre ’43 qui avvenne una tragedia senza eguali: i tedeschi massacrarono più di 10.000 soldati italiani e gli aerei nazisti bombardarono Argostoli e i villaggi vicini, lasciando dietro di sé centinaia di vittime. Sarebbe molto.

Ma non è finita: nel 1953 fu la terra che tremava che distrusse vita e futuro e le scosse si susseguirono per due mesi facendo crollare i palazzi e uccidendo centinaia di persone. Dopo le scosse tanti emigrarono e sembrava che l’isola dovesse spegnersi ma dal 2001 Cefalonia è la prefettura in più rapida crescita e oggi è una delle destinazioni turistiche più popolari in Grecia anche grazie alla pubblicità offerta dal film “Il mandolino del Capitano Corelli” girato proprio tra le sue baie e le sue valli.

Cose da vedere a Cefalonia

Cose da vedere a Cefalonia: la città di Argostoli

La città più grande dell’isola e la capitale dell’isola è Argostoli, una città costruita ad anfiteatro che accoglie chi arriva con negozi per tutti i gusti, caffè per rilassarsi, bar e spiagge nelle vicinanze. Sebbene Argostoli sia stata totalmente distrutta dal terremoto del 1953, ci sono ancora alcuni ricordi della vecchia architettura veneziana.

Così, per capire quali sono oggi le cose da vedere a Cefalonia, puoi vedere la città vecchia di Krani con le sue mura ciclopiche, puoi camminare per le strade pedonali invase dalla musica tradizionale o andarti a specchiare nel mare percorrendo fino alla fine il molo anche se poi tutti finiscono per arrivare al lungomare con le palme dove attraccano le barche da pesca locali. Il piccolo museo archeologico raccoglie reperti risalenti ai periodi miceneo, ellenistico e romano.

Cose da vedere a Cefalonia

Da vedere anche la biblioteca Korgialeneios che espone una rara collezione di libri e manoscritti e che rappresenta anche il museo del folclore dell’isola. Ma siamo in vacanze e se vi piace la vita notturna non vi annoierete visto che qui ci sono locali per la cena e il dopo cena e anche club aperti fino all’alba. Per poi, prima di dormire, ammirare il sorgere del sole.

Cose da vedere a Cefalonia

Cose da vedere a Cefalonia:  tutti i colori di Fiskardo

Fiskardo è indiscutibilmente il più bel villaggio di Cefalonia e si spiega facilmente visto che è stato il solo insediamento che è sopravvissuto al devastante terremoto del 1953. La maggior parte degli edifici conserva il tradizionale colore originario e la foggia antica che riporta indietro nel tempo: grandi palazzi con eleganti balconi, vecchie case a due piani, il rosso scuro delle tegole del tetto, il verde dei fianchi delle montagne, il blu del mare delle isole Ionie. Insomma, ovvio che lo sia incantevole.

Fiskardo si trova sulla punta nord-orientale dell’isola ed è circondato da un bosco di cipressi che ne aumentano il fascino. Ma non solo natura: il paese è molto amato anche dagli equipaggi delle barche che ormeggiano qui i loro yacht nelle notti d’estate approfittando che la maggior parte delle case intorno al porto ora ospitano ristoranti di lusso, caffè e stanze in affitto.

Cose da vedere a Cefalonia

Se si vuole scoprire quali sono le cose da vedere a Cefalonia è doveroso partire e andare a seguirne le costa per arrivare poi, sul lato nord-occidentale, a 10 chilometri da Fiskardo, al villaggio di Ássos, costruito su una strada rialzata che collega una penisola collinosa alla terraferma. Per raggiungerlo, si percorrono una serie di tornanti tra le scogliere della penisola per poi scendere verso il porto, al centro del villaggio, dove si trovano le immancabili taverne di pesce.

Cose da vedere a Cefalonia

Si tratta di un paese tranquillo e ancora genuino che piace a chi cerca la tranquillità e ama avere a portata di mano delle belle spiagge. La penisola è sovrastata dalle rovine di un castello veneziano del XVI secolo che si può raggiungere con una passeggiata di circa 40 minuti mentre verso il mare vale la pena di andare alla baia di Myrtos.

Si tratta di una delle spiagge più fotografate della Grecia. Alle spalle ha imponenti scogliere e davanti un mare calmo e turchese che lambisce una spiaggia di circa due chilometri di bianchi ciottoli lisci. Tanta bellezza si paga però: sulla spiaggia non c’è ombra e i fondali scendono di colpo, tra le correnti, rendendola adatta solo a chi sa nuotare bene.

Cose da vedere a Cefalonia

Cose da vedere a Cefalonia: il porto di Sámi

Sulla costa orientale, a 24 chilometri a est di Argostóli, si trova Sámi che è il porto principale dell’isola, servito da traghetti regolari da e per Patrasso, ovvero con la terraferma greca. L’antica città di Sami si trova a sud della città moderna, sulle pendici della collina – i resti dell’acropoli sono ancora visibili, e da qui si ha una bella vista sulla baia. Poco lontano, in fondo ad una baia riparata, si trova la spiaggia di Antisamos, una delle più famose dell’isola. Anche qui la natura la fa da padrona: intorno ci sono le pinete e sul bordo dell’acqua un distesa di ciottoli chiari mentre l’acqua è particolarmente trasparente, adatta allo snorkeling. Ci sono alcuni tratti con ombrelloni e lettini e un paio di taverne per una merenda saporita.

Volendo poi scoprire le altre cose da vedere a Cefalonia si può proseguire parlando di acqua. Anche se non è quella del mare. A sud-ovest di Sámi, infatti, vicino al villaggio di Khaliotata, si trova la enorme grotta di Drongaráti. Diciamo enorme non a caso: è 95 metri di lunghezza e 45 metri di larghezza e per entrare si deve scendere lungo una scalinata che porta a questo antro veramente bello, luminoso e pieno di magnifiche stalattiti e stalagmiti che ricordano delle statue. La seconda camera ha un’acustica naturale eccezionale e ospita occasionalmente concerti tanto che si dice che qui abbia cantato anche Maria Callas. Non lo sappiamo: ma è bello crederci.

Cose da vedere a Cefalonia

Sempre parlando di grotte una menzione la merita la grotta di Melissáni, a nord-ovest di Sámi, che ospita un lago sotterraneo. Per visitarlo, occorre scendere una rampa di scale verso un pontile, poi salire a bordo di una piccola barca a remi che permette di fare un viaggio di circa 15 minuto nel lago sotterraneo. Si, sotto terra ma con un sacco di luce. Il tetto della caverna è infatti crollato molti anni fa e così la luce del sole entra attraverso un grande foro creando incredibili sfumature di luce blu sulle pareti della grotta. I migliori effetti si verificano intorno a mezzogiorno quando il sole è sopra la testa. I reperti archeologici trovati durante le esplorazioni suggeriscono che la grotta potrebbe essere stata utilizzata un tempo come un antico luogo di culto.

Cose da vedere a Cefalonia

Cose da vedere a Cefalonia: il parco naturale

Nel sud dell’isola, il monte Ainos si innalza sino a  1.628 metri sul mare in un’area che è stata proclamata parco nazionale. Le pendici del monte, nelle zone più elevate, sono ricoperte da fitte foreste di pini di una specie che che qui è rimasta eccezionalmente pura a causa dell’isolamento dell’isola. Il parco nazionale è ideale per escursioni a piedi e in mountain bike e chi ama il birdwatching potrà emozionarsi: qui si possono avvistare picchi, aquile, avvoltoi e falchi.

Cose da vedere a Cefalonia

Scendendo dalle pinete, e prima di tornare alle spiagge, consigliamo un paio di soste nei villaggi dell’isola. La prima è  sicuramente al paese di Svoronata, sul lato meridionale di Cefalonia. A soli 9 km da Argostoli, la capitale dell’isola, Svoronata è anche il villaggio più vicino all’aeroporto. E’ un villaggio che mantiene  interessanti esempi di architettura locale ma soprattutto si  trova vicino a spiagge incantevoli, tra cui Ai-Helis, Avithos, Ammes, Platis Gialos e Makris Gialos. Tutte queste spiagge hanno acqua cristallina e sabbia soffice e intorno si trova una  lussureggiante vegetazione tra la quale si trovano alberghi, monolocali e golose taverne con vista sul mare.

Infine un altro luogo che merita una deviazione una sosta: Kourkoumata, ovvero uno dei villaggi più belli e  pittoreschi di Cefalonia. Il paese si trova a 10 km da Argostoli e  fu completamente distrutto dal terremoto del 1953 ma fu completamente ricostruito con il sostegno finanziario dell’armatore Giorgos Vergotis che riuscì a ricostruirlo rispettando lo stile architettonico neoclassico in voga in  quei tempi. Il risultato è che Kourkoumelata è considerato l’insediamento più elegante di Cefalonia con edifici bellissimi,  giardini ben curati e un insieme che colpisce chi arriva che si trova proiettato in un contesto  caldo e accogliente. E viene da riflettere: sarebbe bello se ogni terremoto regalasse una simile ricostruzione. Da una parte il mare, dall’altra i palazzi. Insieme la bellezza.

Cose da vedere a Cefalonia

Cose da vedere a Cefalonia e come arrivare

L’aeroporto di Cefalonia si trova nella parte sud occidentale dell’isola. Riceve voli nazionali da Atene e Salonicco e il tempo di volo da entrambe le città è di circa un’ora. In estate, ci sono molti collegamenti anche low cost e charter dall’Italia e da altri paesi. Ci sono poi i traghetti per Cefalonia che  partono da Killini, una città portuale nel Peloponneso occidentale, e arrivano a  Poros, in circa un’ora e mezzo. Ci sono poi  traghetti da Patrasso,  dal porto di Astakos, nella Grecia continentale, e da  Itaca. Il porto di Fiscardo  riceve anche traghetti da Lefkada, mentre il porto di Pessada ha collegamenti con  Zante. In alta stagione ci sono infine  traghetti da Brindisi.

Dove mangiare i migliori gyros di Atene

Dove mangiare i migliori gyros di Atene: lo street food di Grecia

Viaggio in Colombia

Viaggio in Colombia tra Bogota, Medellin e la Zona Cafetera

Trackback from your site.

Giornalista professionista, è responsabile delle pagine di viaggi e turismo del quotidiano Gazzetta di Parma. Da tempo è convinto che l'unica parte spiacevole di ogni viaggio sia preparare la valigia. Ha scritto - e fotografato - per Panorama Travel, Viaggiando, That’s Italia, Corriere.it, I viaggi di Repubblica, Ilturista.info. Adora il mare della Grecia, le birre belghe, i romanzi americani e le moto tedesche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici e rimani sempre aggiornato!