Le spiagge di Dubai: le più belle da Marina a Kite Beach e La Mer

Le spiagge di Dubai: le più belle da Marina a Kite Beach e La Mer

Dici Dubai e cosa ti viene in mente? Grattacieli da record, vita frenetica, shopping scatenato, locali di ogni genere e per ogni gusto. Ma senza dimenticare mai il mare. E le spiagge. Già perché se è vero che qui negli Emirati il mare non è quello delle Maldive e o delle isole della Thailandia è anche vero che le spiagge di Dubai sono lunghe chilometri, hanno acqua calda sempre e sono attrezzate per ogni occasione. Ecco allora una piccola guida per scegliere. E scoprire che nel paese del deserto non ci sono solo dune. Ma anche tanta spiaggia.
Partiamo da un dettaglio: la assoluta gran parte delle spiagge di Dubai sono ben tenute e sempre sicure e intorno ai lettini e agli ombrelloni offrono tutti i servizi possibili: ci sono ristoranti, bar oltre a servizio di salvataggio, zone per bambini e servizi igienici. E spesso a poca distanza ci sono anche piscine e aree picnic. La sola difficoltà è scegliere.

Le spiagge di Dubai

Le spiagge di Dubai: JBR e Marina

Se ci fosse una spiaggia da scegliere come icona forse sarebbe proprio questa.  The Beach al JBR questo il nome originale (dove JBR riassume Jumeirah Beach Residences) si trova nel centro della città e accontenta tutti visto che che oltre a sabbia e mare offre ogni tipo di attrazione. Si tratta di una specie di resort circondato da una quinta di grattacieli dove si trovano decine di ottimi ristoranti, alcuni dei migliori club della città e, appunto, una delle più più frequentate spiagge libere di Dubai.

Qui si può prendere il sole, rilassarsi o fare sport visto che ci sono anche  una pista per jogging di 600 metri, una palestra all’aperto e campi da beach volley, spazi per i massaggi e lo yoga. E volendo si può fare anche una passeggiata a dorso di cammello. Dalla parte del mare si possono noleggiare moto d’acqua, salire su un motoscafo per andare al largo oppure semplicemente stare seduti, e godersi l’incredibile vista su Dubai Marina, Palm Jumeirah Island e il famoso hotel a 7 stelle Burj Al Arab.

Divertirsi a Kite Beach

Il nome dice tutto: questo è il posto preferito da chi ama cavalcare le onde volando col kite surf. Ma non vi spaventate: se anche non siete capaci qui si viene anche solo per prendere il sole, provare il SAP o giocare a pallavolo tra un bagno e l’altro. Fino a non molto tempo fa questa era tra le spiagge di Dubai una tra quelle meno note, frequentate più che altro dagli expat ma ora è invece molto amata e scelta da chi ama lo sport. E infatti c’è un percorso lungo 14 km per correre oltre a una palestra all’aperto, campi da gioco e scuole per imparare il surf.

Naturalmente è pulita e controllata da bagnini e oltre a bagni e docce ci sono lettini e ombrelloni da noleggiare. Per dopo il bagno ampia scelta di spuntini nei tanti ristoranti e chioschi che offrono panini, hamburger e altri piatti di ogni cucina. Sempre affollato è il SALT, in stile foodtruck americano.

le spiagge di dubai

La Mer, atmosfere industriali sull’acqua

Una altra delle spiagge di Dubai più interessanti è senz’altro La Mer. Anche perché ad essere precisi, non è una spiaggia ma piuttosto un progetto di sviluppo urbano diviso in quattro aree nel quartiere di Jumeirah. Anche qui qui si trova sabbia bianca e mare caldo ma anche zone create in stile volutamente industriale, graffiti e locali: tra le due zone a nord e sud – La Mer North e La Mer South – ci sono oltre 130 tra ristoranti, bar e altri spazi a due passi da sdraio, tende caraibiche e persino amache sospese.

Per i bambini e per chi ama il genere c’è anche un parco marittimo chiamato Laguna Waterpark con un enorme scivolo e sullo sfondo la solita vista perfetta per i selfie con i grattacieli della città. E non a caso oltre alle famiglie e ai turisti modaioli qui spesso vengono a scattare i loro servizi i fotografi di moda.

La spiaggia del tramonto

Il suo nome sarebbe Umm Suqeim Beach. Ma nella lista delle spiagge di Dubai tutti la conoscono come Sunset Beach ed è è una delle spiagge più tranquille e panoramiche. Qui si viene ovviamente per prendere il sole ma anche per rilassarsi riempiendosi gli occhi del sempre spettacolare Burj Al Arab che troneggia non troppo lontano. Il pubblico qui è misto: ci sono i soliti expat, i turisti ma anche le famiglie locali e i servizi sono completi.

C’è persino una piccola biblioteca per prendere un libro da leggere in tutta calma. Anche se quando arrivano le folle di turisti che scendono dalle navi da crociera la tranquillità svanisce. Se volete vivere da ricchi sappiate che qui vicino si trova il Jumeirah Beach Hotel dove potersi concedere qualche lusso mentre se volete stare in spiaggia fino a tardi questo è il posto giusto: fare il bagno dopo il tramonto a Dubai è proibito ma non qui.

E ci sono speciali lampioni che permettono di nuotare anche con il buio. Almeno fino a mezzanotte.

Spostandosi più verso nord, quasi al confine con l’emirato di Sharjah si arriva al parco di Al Mamzar all’interno del quale si trovano ben cinque spiagge inserite in una grande area verde di oltre 100 ettari con grandi piscine, prati immensi e migliaia di palme. Ed anche per questo è molto amata dalla gente del posto e forse meno dai turisti. Per chi voglia muoversi poi non mancano i soli campi da pallavolo e basket, grandi vasche, aree per lo jogging e zone dedicate al picnic con tanto di barbeque a disposizione.

La spiaggia segreta

E per concludere il tour tra le spiagge di Dubai andiamo a Al Sufouh Beach. Che qualcuno chiama anche Secret Beach. Ora, di segreto c’è ben poco, la gente la conosce e la affolla anche perché nei dintorni si trovano alcuni edifici di gran lusso che si trovano non lontano e che le hanno regalato l’altro nome di Black Palace Beach. Ma soprannomi a parte la parziale invisibilità è data da una fila di palme che la proteggono mentre dall’altro lato ecco le onde e la sabbia piena di conchiglie.

A differenza di altri luoghi più pop qui non si trovano bar o ristoranti e i soli servizi a disposizione sono quelli di salvataggio. Ma se si vuole prendere il sole è il posto giusto soprattutto ricordando che basta alzare lo sguardo per avere di fronte  Palm Jumeirah, l’isola artificiale a forma di palma che si vede persino dal cielo.

A proposito delle Palma: sulla sua costa che ne rappresenta il tronco si trova anche Palm West Beach, una spiaggia perfetta per vedere i tramonti e andare in cerca di locali esclusivi. Qui ci sono alcuni dei più esclusivi hotel a molte stelle della città ma anche ristoranti di gran classe e con prezzi adeguati. Ma qui siamo a Dubai. C’è tutto e tutto è possibile. Non per forza però deve essere a buon mercato.

Spiagge di Dubai

Le regole da rispettare nelle spiagge di Dubai

Ma cosa è possibile e cosa è vietato in spiaggia qui a Dubai? In realtà in generale non avrete problemi di nessun tipo a patto di ricordare che il vero divieto riguarda la nudità. Quindi sempre costume e niente topless. Ma per il resto le regole sono abbastanza elastiche: nelle spiagge si può indossare il normale costume mentre quando si esce è necessario coprirsi completamente poiché non è consentito camminare per strada in costume da bagno.

Nelle spiagge pubbliche, specialmente in quelle meno affollate, fate attenzione alle aree destinate alle famiglie , contrassegnate come “Family Beach” : sono riservate alle donne e ai loro bambini e qui le donne devono stare più coperte. Attenzione anche all’alcol: nelle spiagge pubbliche è proibito bere alcolici mentre invece è possibile nei bar e ristoranti e nelle spiagge private. Non portate mai alcol con voi nelle spiagge pubbliche: un bicchiere potrebbe costare caro.

I villaggi e le più belle città del Galles: viaggio tra castelli, natura e mare

Trackback from your site.

Giornalista professionista, è responsabile delle pagine di viaggi e turismo del quotidiano Gazzetta di Parma. Da tempo è convinto che l'unica parte spiacevole di ogni viaggio sia preparare la valigia. Ha scritto - e fotografato - per Panorama Travel, Viaggiando, That’s Italia, Corriere.it, I viaggi di Repubblica, Ilturista.info. Adora il mare della Grecia, le birre belghe, i romanzi americani e le moto tedesche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Seguici e rimani sempre aggiornato!