• Guida ai più bei centri termali d'Europa

Guida ai più bei centri termali d’Europa: le spa e il benessere

Guida ai più bei centri termali d’Europa: le spa e il benessere

E’ questa la stagione in cui le terme diventano irresistibili. Pensateci: una vasca d’acqua calda, il vapore che sale al cielo, saune e bagni turchi carichi di aromi e intorno, spesso, luoghi di struggente bellezza naturale e antiche pietre cariche di storia. Con il freddo e l’umidità che ci attendono cosa ci potrebbe essere di meglio? Poche esperienze in effetti suonano cosi piacevoli e questo spiega il sempre maggiore successo dei centri termali, quelli dove si applica l’antica filosofia romana della salus per aquam e soprattutto il modernissimo concetto del benessere completo. Dove il corpo e lo spirito si compiacciono e si scrollando di dosso fatica e stress. Ma quali sono le spa più fascinose, trendy e imperdibili per una vacanza tra acqua, relax e coccole? Ecco una guida ai più bei centri termali d’Europa. Tra vapore, benessere e relax.

Guida ai più bei centri termali d'Europa

Se c’è un posto da cui partire per la nostra guida ai più bei centri termali d’Europa dove rilassarsi in ammollo non può che essere Bath, in Inghilterra. E il motivo è ovvio: il nome della città significa proprio «Bagno» perchè qui, dai tempi dei Romani, le vasche d’acqua calda erano celebri e molto frequentate. Da allora sono passati millenni ma ancora oggi nel cuore della città si trova la «Thermae Bath Spa», un centro dove rilassarsi in un contesto straordinario dove zampillano acque naturalmente calde e ricche di minerali, le uniche con queste caratteristiche del Regno Unito. Oggi quella che era la struttura antica è stata trasformata in un museo che racchiude le vecchie terme romane e edifici posteriori con la vecchia piscina con il portico usata fino a qualche decennio fa con a fianco reperti e statue. Ma per immergersi ci si sposta in una nuova struttura costruita da circa un decennio che attira frotte di appassionati: ci sono saune, una piscina coperta dedicata non a caso a Minerva e una panoramica sul tetto dell’edificio, zone ristoro e persino zone per gli incontri d’affari. E fino a sera la gente si ritrova per rilassarsi nello stesso calore che avvolgeva i legionari.

Guida ai più bei centri termali d'Europa

Guida ai più bei centri termali d’Europa: a bagno sulla luna

Può sembrare di fare il bagno sulla luna. E non è una impressione poi troppo sbagliata: Stiamo parlando della Blue Lagoon, la spa geotermica che rappresenta una delle attrazioni più visitate dell’Islanda. Questo centro benessere si trova al centro di una piana di lava nera sulla penisola di Reykjanes, sull’isola sud-occidentale, a 39 km dalla capitale Reykjavík. Le sue acque calde a circa 40 gradi sono ricche di minerali come la silice e lo zolfo e il bagno oltre ad essere una garanzia di relax è ritenuto utile anche per la terapia di alcune malattie della pelle. Il luogo è unico per il contrasto tra il contesto naturale, che pare appunto la luna, e le strutture costruite dall’uomo, modernissime. In più la laguna è enorme con l’acqua di un colore azzurro cobalto che esiste forse solo qui. Intorno poi angoli appartati, vasche più o meno naturali con cascatelle, saune e bagni turchi e lussuose zone relax. Tutto bello però ricordate di prenotare: perché è anche molto affollata.

Non si può pensare di scrivere una guida ai più bei centri termali d’Europa senza citari i bagni Szechenyi, uno dei luoghi più amati e visitati di Budapest. Sono stati costruiti nel 1913 e proseguono la tradizione dei bagni turchi orientali che è sempre stata forte in Ungheria. Si tratta di una grande struttura neobarocca nel parco pubblico della Città e sono formati da diciotto piscine, saune e bagni turchi, cabine per i massaggi e trattamenti. L’acqua che sgorga dal sottosuolo contiene una grande quantità di sali e le temperature oscillano dai 26 ai 39 gradi e questo permette di essere aperti anche d’inverno nonostante il freddo. Una curiosità: gli abituè usano giocare a scacchi immersi nelle vasche. E le scacchiere sono galleggianti.

Guida ai più bei centri termali d'Europa

Guida ai più bei centri termali d’Europa: le rocce di cotone

Sognate di fare il bagno sulle nuvole? Si può fare, basta venire a Pamukkale, nella provincia di Denizli nel sud-ovest della Turchia. Questo luogo, protetto dall’Unesco è unico perché qui le acque termali, nel corso dei secoli, hanno scavato le rocce di calcare creando un panorama unico che pare fatto di ovatta marmorea. Ecco perché Pamukkale significa «castello di cotone» in turco. In tutta l’area, sono presenti 17 sorgenti di acqua calda, in cui le temperature variano da 35° C a 100° C che si accumulano in queste vasche e percorrono dei canali candidi. Oltre che le piscine naturali ci sono anche vasche costruite per i clienti dagli alberghi della zona che, con la loro invadenza, hanno un po’ rovinato un panorama che solo di recente è stato tutelato come merita. Dopo il bagno non perdere di visitare anche le rovine della vicina città romana di Hierapolis. E sentirsi come un console che si rilassa nell’acqua calda è una emozione davvero speciale.

Non è molto conosciuto in Italia ma il centro termale di Eger in Ungheria è frequentato da molto tempo e per forza deve entrare nella nostra guida ai più bei centri termali d’Europa. L’acqua che sgorga dal sottosuolo è lievemente radioattiva e contiene molti minerali che si dice facciano bene alla pelle. Di certo rendono ricca la terra: e qui intorno, siamo a circa venti chilometri dal confine slovacco e a meno di un centinaio dalla capitale Budapest, infatti i vigneti sono tra i migliori del paese. La caratteristica della zona è che la presenza di sali che si solidificano crea piscinette che ricordano come aspetto quelle delle vasche naturali di Pamukkale.

Guida ai più bei centri termali d'Europa

Se poi vogliamo un luogo dove le terme e le strutture sono frequentate da sempre dal bel mondo non ci resta che spostarci in Germania e per la precisione nella regione tedesca del Baden Wurtemberg, e nella città di Baden Baden. Il primo stabilimento termale qui risale a circa il 70 d.C grazie ai soliti Romani mentre la celebrità arrivo nel 1700 quando il bel mondo d’Europa faceva la coda per venire qui a godere dell’ambiente elegante e dei benefici effetti delle acque che sgorgano da dodici sorgenti del sottosuolo. La città offre poi diversi stabilimenti ma i più famosi sono le Terme di Caracalla con grandi piscine, cascate, grotte e saune in stile antico.

viaggio sulle orme di Che Guevara

In viaggio sulle orme di Che Guevara tra Argentina e Bolivia

Parco De Hoge Veluwe

Il Parco De Hoge Veluwe in Olanda: selvaggina e Van Gogh

Trackback from your site.

Giornalista professionista, è responsabile delle pagine di viaggi e turismo del quotidiano Gazzetta di Parma. Da tempo è convinto che l'unica parte spiacevole di ogni viaggio sia preparare la valigia. Ha scritto - e fotografato - per Panorama Travel, Viaggiando, That’s Italia, Corriere.it, I viaggi di Repubblica, Ilturista.info. Adora i salumi italiani, il mare della Grecia, le birre belghe, i romanzi americani e le moto tedesche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici e rimani sempre aggiornato!