• spiagge di Symi nel Dodecanneso

Alla scoperta delle spiagge di Symi nel Dodecanneso

Alla scoperta delle spiagge di Symi nel Dodecanneso

Non serve l’auto: c’è una sola strada. Molto meglio la barca: cosi si raggiungono tutte le spiagge di Symi nel Dodecanneso. Oppure si deve avere voglia di camminare. E il premio sarà un tuffo nel mare trasparente. Symi è una delle più piccole isole del Dodecaneso, a nord di Rodi e a est di di Tilos e Nisyros. È una piccola isola ma non per questo non merita la visita. Anzi, è una vera scoperta per chi cerca tranquillità e una vita rilassata. Symi è un’isola rocciosa e la gran parte è brulla mentre sul lato orientale si trovano inattese foreste di pini. Come abbiamo detto non è consigliabile affittare un’auto perché la rete stradale è quasi nulla. In compenso la maggior parte delle spiagge è accessibile in barca e ci sono numerosi sentieri escursionistici. E anche se le spiagge di Symi nel Dodecanneso forse non sono tantissime ecco un elenco: e il consiglio è di vederle tutte.

spiagge di Symi nel Dodecanneso

Tra le spiagge di Symi nel Dodecanneso: un tuffo nel blu

La spiaggia di Agios Georgios Disalonas è, secondo molti, una delle spiagge più belle di questa parte dell’Egeo. È una spiaggia di ciottoli con acque smeraldo situata sul lato est dell’isola. La sua caratteristica è di trovarsi proprio sotto una impressionante scogliera verticale alta trecento metri. La spiaggia è accessibile sia attraverso un percorso escursionistico da Pedi sia, molto più comodamente, in barca.

spiagge di Symi nel Dodecanneso

Agios Emilianos è una spiaggia di ciottoli con acque cristalline che si trova sul lato ovest dell’isola. A due passi dal mare troverete la bianca cappella di Agios Emilianos che ovviamente è il soggetto più fotografato. La spiaggia è accessibile solo in barca così come Agios Vasilios, un’altra spiaggia di ciottoli ombreggiata da alcuni cipressi, sempre sul lato occidentale dell’isola. È una spiaggia tranquilla e remota, ideale per chi cerca tranquillità e ama godere del contrasto tra le rocce aspre e il mare trasparente. Tra l’altro qui si vedono tramonti splendidi.
Proseguendo il nostro tour tra le spiagge di Symi nel Dodecanneso arriviamo a Agios Nikolas, una spiaggia questa volta sabbiosa con acque blu e una bella corona di pini, sul lato est dell’isola. La spiaggia è organizzata con lettini e ombrelloni, per chi vuole le comodità e ha anche una taverna. La spiaggia è accessibile sia attraverso un percorso escursionistico da Pedi sia, come sempre con una delle barca che partono dal porto. Sul lato sud dell’isola si trova Marathounda, un’altra spiaggia di ciottoli con acqua color. Appare molto isolata ma in realtà anche qui si trova una taverna per una piacevole merenda dopo la nuotata. Impagabile è anche un tuffo nella spiaggia di Nanou, una tra le più belle dell’intera isola. Ci sono ciottoli e l’acqua ha tutte le sfumature del blu che si oppongono al vedere dei pini che la proteggono alle spalle. Si trova nel lato sud orientale di Symi e anche qui si può mangiare comodamente.

spiagge di Symi nel Dodecanneso

Le spiagge di Symi nel Dodecanneso: pini e taverne

Tra le spiagge di Symi nel Dodecanneso, Niborio è una delle più popolate e popolari anche se non forse la più bella. Tuttavia è comoda perché si trova decisamente vicina al paese di Gyalos, in una baia di ciottoli con acque tranquille. Anche a Nos si trovano i soliti ciottoli ma ci sono anche lettini e ombrelloni oltre alla solita taverna. Il punto di forza di questa spiaggia è il panorama che si allarga sulla costa tutto intorno. Arriviamo poi a Pedi, una ampia baia dove si trova uno degli insediamenti di Symi. Questo tratto di costa offre una serie di spiagge consecutive che sono molto apprezzate anche da chi ama lo snorkeling. Ci sono anche alcune taverne nelle vicinanze che meritano la visita: sono specializzate in pesce e offrono piatti semplici ma squisiti. Da qui partono anche alcun barche che raggiungono le altre spiagge dell’isola più isolate. Infine concludiamo la nostra piccola guida delle spiagge di Symi nel Dodecanneso con quella di Panormitis, un tratto di arenile di ghiaia con acqua splendida ma soprattutto con un meraviglioso ambiente intorno. Si trova sul lato sud dell’isola ed è vicino al Monastero di Panormitis, un luogo molto venerato. Proprio per questo motivo, vista la vicinanza del monastero, il nudismo è proibito.

Guida di Città del Capo

Guida di Città del Capo, la metropoli tra vigneti e spiagge

Cosa vedere a Montreal in Quebec

Cosa vedere a Montreal in Quebec: il Canada in salsa francese

Trackback from your site.

Giornalista professionista, è responsabile delle pagine di viaggi e turismo del quotidiano Gazzetta di Parma. Da tempo è convinto che l'unica parte spiacevole di ogni viaggio sia preparare la valigia. Ha scritto - e fotografato - per Panorama Travel, Viaggiando, That’s Italia, Corriere.it, I viaggi di Repubblica, Ilturista.info. Adora i salumi italiani, il mare della Grecia, le birre belghe, i romanzi americani e le moto tedesche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici e rimani sempre aggiornato!