• Cosa vedere a Stoccarda

Cosa vedere a Stoccarda: castelli, musei e automobili Mercedes

Cosa vedere a Stoccarda: castelli, musei e automobili Mercedes

Elegante, sofisticata e amante del divertimento: se si dovesse abbozzare un identikit sbrigativo per la capitale del land tedesco del Baden-Württemberg queste potrebbero essere le parole chiave. Aggiungendo magari che questa è una città moderna e vivace che però mantiene, compiacendosene, un’anima di provincia. La gente del posto è conosciuta per una certa particolare eleganza e nel Dna di tutti c’è il mito della velocità e delle auto veloci (Mercedes Benz e Porsche hanno qui il loro quartier generale ) ma nessuno sa rinunciare alle gite sulle vicine Alpi Sveve o ad una lunga e piacevole sosta nei centri termali come il MineralBad Cannstatt. E quindi preparatevi a scoprire che la nostra guida su cosa vedere a Stoccarda vi riserverà non poche sorprese.

Cosa vedere a Stoccarda

Il centro della città fu purtroppo distrutto dai bombardamenti durante la Seconda guerra mondiale e oggi i pochi edifici antichi rimasti sono circondati da più asettici palazzi moderni e isolati di uffici. Tuttavia, la mancanza di un po’ d’atmosfera e di scorci del passato sono compensati da una scena artistica vivace e soprattutto da un alto standard nella qualità della vita. Questo perché il buon cibo, l’attenzione al vino e una certa tendenza a godere degli aspetti migliori dell’esistenza fanno parte integrante del modo di vivere degli abitanti di Stoccarda.

cosa vedere a Stoccarda

Quindi c’è ampia scelta di tradizionali ristoranti svevi che selocali stellati senza dimenticare i sempre affollati mercati degli agricoltori. Durante tutto l’anno poi si svolgono diversi festival che spaziano dalla grande festa del vino che si tiene a settembre al celebre Festival estivo che attira molte persone amanti della gastronomia e della musica. C’è anche una piacevole vita serale e notturna che si concentra intorno alla vivace Theodor-Heuss-Strasse mentre gli amanti dello shopping e della moda dovranno dirigersi verso la Königstrasse, una delle strade commerciali più lunghe della Germania. Infine, se cercate un ricordo di atmosfere del tempo che fu da non perdere è il quartiere di Bohnenviertel dove è bello sedersi nei suoi caffè all’aperto, veri angoli di relax su tranquille strade acciottolate.

Cosa vedere a Stoccarda

Cosa vedere a Stoccarda: una città verde

Insomma, la nostra piccola guida su cosa vedere a Stoccarda prima di portarvi nei musei simbolo della città, quelli dedicati ai motori, devia verso la natura. Si perché questa città ha qualcosa di Mediterraneo, almeno nei mesi estivi, quando tutti vivono intensamente le ampie distesi verdi che la avvolgono. Una serie di parchi e giardini, ovviamente punteggiati da birrerie e ristoranti, attraversano i quartieri centrali formando un’enorme “U verde“, che inizia allo Schlossgarten e termina nel parco Killesberg. Se poi questa passeggiata di due ore da un’estremità all’altra del “Grüne U” – appunto la U verde di otto chilometri– non sazia la vostra voglia di aria fresca, nessun problema: le vicine colline ricoperte di vigneti sono completamente percorse da una scenografica rete di sentieri pedonali e ciclabili.
Dopo la sgambata  però tornate in città e gettate un occhiata dall’alto per capire cosa vedere a Stoccarda. Per avere una visione di insieme basta salire i 217 metri della Fernsehturm (la torre della televisione) sulla cui cima si trova un punto di osservazione e un ristorante da cui, in una giornata limpida, si arriva a vedere persino la Foresta Nera. Quindi fate come tutta la gente di qui e dirigetevi a Schlossplatz, il cuore della città, quello dove tutti si danno appuntamento e dove in agosto si concentrano gli eventi della Sommerfest, la Festa d’Estate.

Cosa vedere a Stoccarda

Allora facciamo come gli abitanti di qui e partiamo dalla piazza per il nostro viaggio a Stoccarda. Al centro della Schlossplatz si trova il Neues Schloss, o Palazzo Nuovo, l’ex residenza dei re, costruito tra il 1746 e il 1806 e ora sede del governo dello Land del Baden-Württemberg. Se lo stile dell’edificio vi ricorda qualcosa di già visto è perché il duca Carl Eugen di Württemberg voleva avere la sua Versailles a Stoccarda. La colonna del giubileo del re Guglielmo fu eretta nel 1841 in onore dei 25 anni di regno del monarca e la statua della Concordia, dea romana dell’armonia, fu aggiunta in cima alla colonna nel 1863. Le due le fontane ai lati poi, furono costruite nello stesso periodo e simbolicamente sostengono otto cherubini che rappresentano ciascuno uno dei fiumi del Württemberg. La piazza è sempre viva e affollata, dicevamo e se non altro è anche piena di musica visto che qui si affollano i musicisti di strada. Nel periodo invernale poi ospita il mercatino di Natale, uno dei più bei mercatini  della Germania.

Sempre nella stessa piazza e non lontano dal Palazzo Nuovo si trova l’Altes Schloss o ovvero il Vecchio Castello. Le origini dell’edificio risalgono intorno all’anno 1000 ma l’attuale palazzo, con il suo pittoresco cortile ad arcate, fu costruito tra il 1553-78. Oggi l’imponente struttura ospita il Museo del Land con la collezione di arte medievale, strumenti musicali, orologi nonché i gioielli della corona del Württemberg. Nell’ala sud si trova la chiesa annessa al palazzo del 16° secolo dove si trovano le tombe dei re.

Cosa vedere a Stoccarda

Cosa vedere a Stoccarda: l’arte di Otto Dix

Proseguendo la scoperta della città si arriva al centralissimo Kunstmuseum che già di per sé è un’opera d’arte. Aperto solo nel 2005 è in pratica un grande cubo di vetro con pareti interne in pietra calcarea che si sviluppa su 5.000 metri quadrati di spazio espositivo. I punti salienti della  collezione  comprendono alcune delle opere più importanti degli artisti tedeschi Otto Dix, il famoso artista che rappresentò la società della repubblica di Weimar, oltre che di Dieter Roth e Willi Baumeister. Se possibile, visitate il museo durante l’apertura serale del venerdì: all’uscita sarete colpiti dalla bizzarra illuminazione del palazzo.

Cosa vedere a Stoccarda

Cosa vedere a Stoccarda: Mercedes e Porsche

Lo abbiamo detto da subito: Stoccarda ha un cuore d’acciaio. E i suoi battiti sono quelli dei motori. Il museo della Mercedes Benz lo dimostra:  è stato inaugurato poco prima dell’inizio dei Mondiali di calcio in Germania e si trova in un imponente edificio moderno che si estende su 17.000 metri quadri e sette piani. Il museo porta i visitatori in un viaggio attraverso la storia dell’automobile Mercedes raccontando però anche gli eventi che a livello mondiale avvenuti contemporaneamente ai progressi dell’azienda automobilistica. In mostra ci sono più di 160 diversi veicoli partendo dalle auto da corsa per arrivare ai motori di aereo e alla papa mobile. Ovviamente ci sono anche uno shop, un bar e un ristorante oltre a audioguide in varie lingue. Ma non finisce qui: a Stoccarda si trova anche il museo della Porsche, inaugurato nel 2009, vicino alla sede dell’azienda. Il museo raccoglie una ottantina di vetture tra auto da corsa, stradali e prototipi che ruotano tra i tantissimi in possesso dell’azienda. E se dopo averli visitate fate un salto a Monaco per vedere il museo della Bmw potrete dire di sapere tutto sulle auto tedesche.

Cosa vedere a Stoccarda

Cosa vedere a Stoccarda: la Galleria di Stato

Dopo i cilindri e i pistoni torniamo all’arte. La Galleria di Stato di Stoccarda è sede di una delle più belle collezioni d’arte in Germania ed è uno dei musei più visitati del paese. E’ molto conosciuta per la sua collezione di dipinti del XX secolo ma vanta anche imponenti collezioni di arte rinascimentale tedesca oltre che di maestri olandesi e italiani. I tre edifici che compongono la Staatsgalerie sono interessanti quanto le collezioni all’interno. L’edificio originale, la Alte Staatsgalerie è stato progettato in stile neoclassico e inaugurato nel 1843. Adiacente Neue Staatsgalerie disegnata da James Stirling, e aggiunta nel 1984,  è un capolavoro di architettura contemporanea. La struttura più recente è stata aggiunta nel 2002 e si tratta di un edificio di cinque piani che ospita la sezione delle stampe, dei disegni e della fotografia.

Cosa vedere a Stoccarda

Cosa vedere a Stoccarda: il piacere delle terme

Infine rilassiamoci: e facciamo come la gente del posto che vivendo su una delle più grandi riserve di acqua termale in Europa, da sempre ne ha tratto beneficio rendendola, con il tempo, una vera e propria attrazione turistica. Diciannove sorgenti naturali pompano quotidianamente qualcosa come 22 milioni di litri di acqua termale: e quindi non c’è timore di restare al secco. Rilassarsi in un bagno caldo e ricco di vapore è un buon modo per trascorrere un po’ di tempo ricordando che l’acqua ha benefici effetti anche sulla pelle e per i problemi respiratori. Das Leuze, Mineralbad Cannstatt e Mineral Bath Berg sono strutture dotate di bagni termali caldi e freddi, saune, vasche idromassaggio e piscine. Das Leuze è quello più amato dalle famiglie, con il suo parco giochi e una piscina per bambini a colori vivaci, mentre Mineralbad Cannstatt si rivolge di più agli adulti in cerca di un rifugio di relax. Mineral Bath Berg è una pezzo unico che arriva direttamente dagli anni ’50 e le sue acque ricche di ferro sono riconosciute come particolarmente benefiche.

Cosa vedere a Stoccarda

Infine concludiamo con una citazione della cappella sulla collina del Württemberg che domina Stoccarda e la valle del Neckar. La è il sepolcro della regina Katharina e fu eretta dal re Guglielmo I come monumento funebre della amatissima moglie morta prematuramente. Costruita tra il 1820 e il 1824, questa  struttura, conosciuta localmente come Grabkapelle, è una cupola in stile neoclassico ispirata al Pantheon di Roma ma al di là del valore storico è un luogo da visitare per ciò che sta intorno. La passeggiata per arrivare non è faticosa e la vista è splendida, con una veduta che copre tutta la città e si perde tra i vigneti e le colline.

Cosa vedere in Bulgaria

Cosa vedere in Bulgaria: Sofia, il mar Nero e le montagne

cosa vedere a Sofia

Cosa vedere a Sofia, la capitale della Bulgaria

Trackback from your site.

Giornalista professionista, è responsabile delle pagine di viaggi e turismo del quotidiano Gazzetta di Parma. Da tempo è convinto che l'unica parte spiacevole di ogni viaggio sia preparare la valigia. Ha scritto - e fotografato - per Panorama Travel, Viaggiando, That’s Italia, Corriere.it, I viaggi di Repubblica, Ilturista.info. Adora i salumi italiani, il mare della Grecia, le birre belghe, i romanzi americani e le moto tedesche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici e rimani sempre aggiornato!