• come e quando andare a Cipro

Come e quando andare a Cipro. E come passare la frontiera

Come e quando andare a Cipro. E come passare la frontiera

Cipro gode di un clima mediterraneo, con la fortuna di molte giornate di sole pieno in quasi tutti i periodi dell’anno. Le estati sono lunghe e secche e gli inverni miti mentre primavera e autunno sono brevi e piacevoli. L’estate è un periodo in cui fa caldo e il cielo è quasi sempre sgombro da nubi ma la brezza marina crea un’atmosfera piacevole nelle zone costiere. Gli inverni sono, come detto, miti con qualche pioggia. Ma talvolta nevica anche sui monti Troodos. Per dare consigli quindi su come e quando andare a Cipro occorre ricordare quello che dice la gente del posto: undici mesi su dodici sono baciati dal sole.

come e quando andare a Cipro

Come e quando andare a Cipro: il clima

Per questo la stagione delle vacanze “estive” va da aprile con temperature medie di 21-23° C durante il giorno e 11-13° C durante la notte; e termina a novembre, quando le temperature medie sono di circa 20 -22° durante il giorno e di 12-14° C durante la notte. Ma anche i restanti quattro mesi dell’anno non si possono certo definire freddi. Questo fatto fa si che Cipro sia una destinazione battuta per tutto l’anno, in particolare dai nordici che spesso scelgono di trascorrere le vacanze qui anche nei mesi più freddi. Tuttavia, l’alta stagione va ovviamente da giugno a settembre.

come e quando andare a Cipro

Come e quando andare a Cipro: la frontiera

Proseguendo la nostra piccola guida dedicata a come e quando andare a Cipro facciamo una digressione parlando della frontiera interna: come è noto esiste un confine, chiamato Linea Verde, che separa Cipro, la parte greca e europea, da quella del nord occupata dai turchi. Un tempo passare da una parte all’altra era complicato ma oggi è assai facile visto che le restrizioni sono state molto alleggerite nel 2003. Ma serve il passaporto.
Ora è possibile attraversare in sette punti ben precisi sull’isola ma sono in corso trattative tra le due parti per prevedere diversi altri transiti. Per passare si usano le vie di transito che si trovano a Nicosia e che sono indicate: quelle di Ledra Palace Hotel e Ledra Street sono solo per i pedoni, mentre gli incroci di Agios Dometios, Pergamos, Agios Nikolaos, Limnitis-Yeşilirmak e Zodhia sono per veicoli. E’ possibile anche transitare con un taxi che poi ti porterà ovunque tu voglia andare. Ricorda che per gli europei è possibile andare dalla parte greca a quella turca senza problemi ma non è vero il contrario: Cipro considera l’aeroporto di Ercan e i porti dei traghetti di Famagosta (Gazimağusa) e Kyrenia (Girne) – nella zona turca – come punti di ingresso illegali e può rifiutare l’ingresso a chi arrivi da quella parte.

come e quando andare a Cipro

Come e quando andare a Cipro: gli spostamenti

Cipro è abbastanza piccola da permettere facili spostamenti. Le strade sono buone e ben segnalate e il traffico non è mai un problema. Il trasporto pubblico è però limitato agli autobus e ai taxi e non ci sono ferrovie o voli tra nord e sud. In compenso ci sono autostrade a quattro corsie che collegano Nicosia con Lemesos e Larnaka arrivando a ovest fino a Paphos e ad est fino ad Agia Napa. Nella parte settentrionale di Cipro c’è solo un’autostrada, che conduce a Famagosta. Auto, moto e bici si trovano facilmente per il noleggio e i prezzi sono in genere buoni. Ma ricordate: si guida a sinistra.

Infine i consigli per arrivare: Cipro è molto facile da raggiungere visto che ha due aeroportiLarnaka e Paphos – che sono serviti da moltissime compagnie anche low cost. Negli scorsi anni le compagnie erano oltre 30 e ogni anno cambiano tratte e servizi ma gli aeroporti italiani sono ben collegati. Se volete invece arrivare in auto sappiate che da Atene ci sono traghetti per Limassol, il porto principale dell’isola.

Cosa vedere a Groningen

Cosa vedere a Groningen: la città più giovane città d'Olanda

Cosa vedere ad Aarhus

Cosa vedere ad Aarhus in Danimarca: i musei e le case antiche

Trackback from your site.

Giornalista professionista, è responsabile delle pagine di viaggi e turismo del quotidiano Gazzetta di Parma. Da tempo è convinto che l'unica parte spiacevole di ogni viaggio sia preparare la valigia. Ha scritto - e fotografato - per Panorama Travel, Viaggiando, That’s Italia, Corriere.it, I viaggi di Repubblica, Ilturista.info. Adora i salumi italiani, il mare della Grecia, le birre belghe, i romanzi americani e le moto tedesche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici e rimani sempre aggiornato!