• ristoranti di Parma

I ristoranti di Parma: mangiare nella città del prosciutto e del formaggio

I ristoranti di Parma: mangiare nella città del prosciutto e del formaggio

La conoscono tutti. E un motivo ci sarà. Chi abita più lontano, magari oltre il mare, non sa nulla delle cupole del Correggio o non la abbina alle armonie di Giuseppe Verdi, non conosce il lascito di Parmigianino o il fascino delle terre intorno al Po così come neppure immagina il fascino dei suoi castelli.  Però conosce parma perché da qui arriva il prosciutto che porta il suo nome e il formaggio più celebre, appunto, il Parmigiano Reggiano. Ecco che quindi Parma si può vantare di essere la capitale della Food Valley. E i ristoranti di Parma sono templi dove si celebra il rito molto laico e goloso del mangiare in modo tradizionale. Un rito che non passa mai di moda.

Già, ma quali ristoranti di Parma scegliere? Ed è meglio puntare ad una tavola più blasonata, una classica trattoriao provare una delle tante osterie e taverne dove provare un tagliere e una bottiglia di vino dei Colli? Per aiutare la scelta ecco una piccola guida dei ristoranti di Parma. Dove assaggiare il vero sapore di questa terra.

La scelta tra i ristoranti di Parma: tradizione e salumi

Ristorante Cocchi
E’ attivo dal 1925. E sebbene non sia in centro ma piuttosto su un viale appena in periferia, nella zona dell’ospedale, è per molti abitanti di Parma il primo indirizzo che consigliano tra i ristoranti di Parma. Per iniziare sono imperdibili i salumi serviti con la torta fritta (no è un dolce: ma si tratta di losanghe di un impasto di acqua e farina fritto da mangiare bollente insieme ai salumi) per poi passare ai tortelli (erbette, zucca o patate, a scelta) senza dimenticare gli anolini in brodo. Imperdibile il carrello dei bolliti serviti con le salse. Ricca la scelta di dolci più che golosi e ampia carta dei vini con grande scelta anche tra champagne e vini francesi.
Via Gramsci, 16/A
Tel. 0521 981990
Chiuso il sabato

Trattoria ai Due Platani
Una trattoria appena fuori dalla città, con una piacevole atmosfera d’altri tempi e un bel pergolato per le giornate estive. La cucina è quella della tradizione parmigiana, con grande cura delle materie prime e alcuni piatti eccellenti come i tortelli di zucca o di erbetta o le pappardelle al ragù di anitra. Perfetti i salumi ma da provare è anche il piccione. Tenete lo spazio per il gelato fatto con la vecchia macchina carpigiani degli anni ’60. Importante: è sempre pieno. Quindi prenotare con molto anticipo.
Via Budellungo, 104/A – Località Coloreto
Tel. 0521 645626
Chiuso lunedì sera e martedì

ristoranti di Parma

I locali dove mangiare la torta fritta

Trattoria del Grillo
Qualche chilometro fuori dalla città una trattoria tradizionale dove dal 1960 la gente del posto viene per mangiare la torta fritta. Ma non solo: il semplice locale degli inizi ha saputo crescere e ora la cucina si è ampliata sempre però rispettando i sapori e le ricette del passato e conquistando un proprio spazio tra i ristoranti di Parma. Da provare i tortelli (in stagione anche di zucca e carciofi) e le tagliatelle. Tra i secondi i guancialini di maiale con la polenta. Carta dei vini ampia e due grandi sali per ospitare i tanti clienti che d’estate possono anche mangiare all’esterno.
Strada Martinella 281 – Località Vigatto
Tel. 0521 630176
Chiuso lunedì e martedì

Trattoria da Romeo
Uscendo dalla città, sul bordo della strada, quella che un tempo fu una stazione di servizio è ora, da anni, un indirizzo dove andare a colpo sicuro per mangiare alla parmigiana. Romeo è il padre dell’attuale gestore che accoglie con bonarietà e calore in quella che è ancora la trattoria che ci si aspetta: si comincia con polenta fritta e salumi e si prosegue con tortelli di erbetta e anolini. Durante l’inverno, quando disponibile, il cotechino cotto in costa di pane. Si finisce con torte secche fatte in casa e un bicchiere di nocino.
Strada Traversetolo, 185 -Località Botteghino
tel. 0521 641167
Chiuso giovedì

Osteria dei servi
In pieno centro, a due passi dal Ponte Romano e nel cuore del vecchio mercato cittadino, una trattoria nata da non molti anni che però riprende lo stile delle vecchie osterie. Pareti in mattoni e bottiglie sui muri nell’interno, tavoli all’esterno nella piazza. Il menu è il classico che parte dai salumi con torta fritta ma che affianca anche carne alla brace cotta proprio davanti al locale. Carta dei vini con scelta delle bottiglie locali e servizio sorridente.
Piazza Ghiaia 1,
Tel. 0521 1856156
Aperto tutti i giorni

Muro di Berlino oggi

Muro di Berlino oggi: le cose da vedere, il memoriale, i graffiti, ciò che resta

musei-di-Madrid

Guida dei musei di Madrid, cosa vedere dal Prado al Reina Sofia

Trackback from your site.

Giornalista professionista, è responsabile delle pagine di viaggi e turismo del quotidiano Gazzetta di Parma. Da tempo è convinto che l'unica parte spiacevole di ogni viaggio sia preparare la valigia. Ha scritto - e fotografato - per Panorama Travel, Viaggiando, That’s Italia, Corriere.it, I viaggi di Repubblica, Ilturista.info. Adora il mare della Grecia, le birre belghe, i romanzi americani e le moto tedesche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici e rimani sempre aggiornato!