• città di mare più belle del Portogallo

Le città di mare più belle del Portogallo: spiagge, villaggi e lagune

Le città di mare più belle del Portogallo: spiagge, villaggi e lagune

L’oceano gioca un ruolo importante nella cultura e nella storia portoghese. E non potrebbe essere altrimenti. Ecco perché, di conseguenza, alcune delle destinazioni da non perdere si trovano a non molta distanza dalla costa. Se non proprio con i piedi nell’acqua. Ecco allora un viaggio tra le città di mare più belle del Portogallo passando da quelle che possono essere considerate delle capitali, sia pure regionali, ai piccoli paesi di pescatori.

Per tutti c’è una meta o un luogo in cui farsi prendere dal ritmo e dallo stile di vita lusitano. Ricordando che potrete percorrere un itinerario prevedendo pochi giorni di viaggio ma probabilmente poi vi resterà voglia di frutti di mare e di soste in spiaggia. Quindi non abbiate fretta.

Le città di mare più belle del Portogallo: partiamo dall’Algarve

Si dice mare e Portogallo e si pensa subito all’Algarve. Ma a differenza di molte delle città piene di resort, locali e invase da (troppa) gente Tavira ha saputo mantenere un po’ di più il proprio carattere originario, ovvero un ritmo più lento e un’atmosfera vagamente più genuina. Il ponte romano, il castello medievale e la piazza circondata da caffè regalano uno stile sincero alla città che resta uno dei centri più affascinanti dell’Algarve. Qui si viene per cogliere il retaggio moresco della zona, riempiendosi gli occhi con la ricchezze della architettura locale ma anche per rilassarsi sulle spiagge nascoste della zona.

Sempre volendo restare nella zona dell’Algarve, invece di scegliere Portimão, la città più grande che ha sostituito la cantieristica e la pesca con il turismo e lo shopping, si può scegliere Ferragudo, un piacevole villaggio di pescatori formato da case bianche alla foce del Rio Arade, dove dondolano placide barche colorate.

città di mare più belle del PortogalloUn caffè davanti al pesce fresco

La strada che costeggia il fiume è punteggiata di palme e oltre si trova la piazza principale, la piccola Praça Rainha Dona Leonor, il posto perfetto per un caffè o uno spuntino guardando il pesce fresco che viene scaricato. Un altro punto di riferimento è il forte medievale di São João de Arade che un tempo era la “torre di guardia” della zona. A rendere Ferragudo una delle città di mare più belle del Portogallo contribuiscono poi le spiagge nelle vicinanze.

La costa vicentina

Proseguendo il viaggio tra le città di mare più belle del Portogallo spostiamoci al confine tra Alentejo e l’Algarve dove si trova la cosiddetta Costa Vicentina, una zona forse meno nota ma non per questo meno degna di essere scoperta da chi cerca sapori di mare nel piatto e belle spiagge che qui sono più incontaminate mentre la natura appare più selvaggia. Qui si incontra Aljezur, una piccola città da sempre prospera per il commercio a circa trenta chilometri a nord di Lagos.

Al centro di una fertile valle scavata da un fiume è dominata dalle rovine di un castello moresco del X secolo da cui si gode una splendida vista. Sulla riva del fiume poi ecco la città vecchia, che risale al X secolo quando i Mori si insediarono qui anche se poi gli eserciti cristiani conquistarono la città nel 1246 mentre nel 1700 nacque una città nuova sulla riva opposta. Su questo lato del fiume l’edificio più antico è la settecentesca Igreja de Nossa Senhora da Alva che si trova nella piazza principale, circondato da negozi e caffetterie dove perdere tempo.

Aljezur è vicino a una serie di spiagge spettacolari tra cui Arrifana, Monte Clérigo e Carrapateira, che fanno tutte parte del Parque Natural do Sudoeste Alentejano e Costa Vicentina, una striscia di costa protetta dallo sviluppo eccessivo.

Le città di mare più belle del Portogallo; Cascais

Spostandosi verso la capitale del Portogallo, a soli 30 chilometri da Lisbona, ecco Cascais, una delle destinazioni più note dai turisti che possono arrivare qui per una gita in giornata ma, anche venire a rilassarsi per qualche giorno godendo dell’affascinante centro storico della città e delle bellezze della costa. Quello che un tempo fu infatti un villaggio di pescatori è cresciuto nel secolo scorso per diventare l’elegante località balneare che è oggi. Anche se non si sono perse certe consuetudini: e il pesce fresco viene ancora venduto nella piazza del porto mentre le barche colorate escono verso il largo e i marinai riparano le reti sulla banchina.

Una curiosità: secondo una leggenda locale fu un pescatore di Cascais, un certo Afonso Sanches, e non Colombo, a scoprire il Nuovo Mondo dieci anni prima della famosa data del 1492. Scoperta dell’America o meno Cascais offre una ampia scelta di ristoranti, boutique e alberghi di ogni prezzo mentre le varie spiagge sono, per la gran parte, piccole, accoglienti ma anche affollate in estate.

Per una passeggiata non perdete il Parque do Marechal Carmona mentre chi cerca l’arte e la storia deve andare a vedere la chiesa di Nossa Senhora da Assunção con il suo altare del XVI secolo, piastrelle dipinte a mano del XVIII secolo e, soprattutto, una collezione di dipinti di Josefa d’Obidos.

Relax lontano dalle città

Non lontano da Sintra, Azenhas do Mar è il luogo ideale per fuggire dal trambusto della città e per farsi avvolgere dal vento e dal canto del mare. Questa destinazione arroccata sulla scogliera vanta infatti una spiaggia sabbiosa lungo l’Oceano Atlantico, dove rilassarsi e ammirare la vita della cittadina di pescatori godendo dei sapori dei piatti di pesce fresco cucinati dal celebre ristorante chiamato appunto Azenhas do Mar.

città di mare più belle del Portogallo

Volete più mare? Allora la meta giusta è Peniche, una città a un’ora di auto a nord di Lisbona. Che fino al XVI secolo era un’isola. Poi si venne a creare uno stretto istmo ma il mare qui è ancora al centro della vita quotidiana tanto che conserva un porto storico protetto da mura. La città vecchia è dominata da un’imponente fortezza del XVI secolo che ora ospita il museo municipale anche se è stata anche prigione ai tempi del dittatore Salazar. Non lontano poi si trovano le isole Berlengas, collegate d’estate con dei traghetti, che sono un paradiso per migliaia di uccelli marini e rappresentano una delle prime aree protette al mondo.

Guida di Aveiro

Alla scoperta della Venezia del Portogallo

Se poi volete osare un paragone con qualcosa di casa fermatevi ad Aveiro che è conosciuta come la “Venezia del Portogallo“. Anche se la Serenissima è lontana e la sola cosa in comune sono i canali. Anche qui infatti si naviga su barche caratteristiche che però non sono gondole. E non sono nere. Ma coloratissime. Si chiamano moliceiros e permettono di andare in giro sulle strade d’acqua. Una volta qui non perdete la Cappella di São Gonçalinho e il Convento de Jesus per ammirare l’architettura e le opere d’arte, mentre la Cattedrale di Aveiro presenta una splendida architettura barocca. Poi passeggiare tra le case colorate come un arcobaleno e godetevi i molti locali sui canali. Porto è a soli 70 km: ma l’atmosfera è del tutto differente.

E per finire le Azzorre

Questo elenco non sarebbe completo senza menzionare Ponta Delgada, la capitale delle Azzorre, una serie di nove isole nell’Oceano Atlantico a circa 1.300 chilometri a ovest della terraferma del Portogallo e a circa due ore di volo da Lisbona.  Il verde e il blu si mescolano al bianco e al grigio scuro quando si ammira questa città di mare circondata dal mare e dalla montagna, ma piena di architettura candida che si oppone al basalto nero. Tra i monumenti più pittoreschi ci sono Portas da Cidade e la piazza principale della città.

città-di-mare-più-belle-del-Portogallo

In estate, le acque delle Azzorre offrono favolose opportunità per osservare le balene. E c’è molto da vedere e da fare anche nell’entroterra. São Miguel è benedetto da scenari vulcanici,  laghi  e sorgenti termali. Ma non solo: spesso si vedono passare carrozze trainate da cavalli mentre la gente del posto si rilassa sul mare. Un bel modello. Ed è molto facile prenderci gusto e fare come loro.

 

Mercatini di Natale dell'Alto Adige

I mercatini di Natale dell’Alto Adige: i più belli da Bolzano a Merano

Trackback from your site.

Giornalista professionista, è responsabile delle pagine di viaggi e turismo del quotidiano Gazzetta di Parma. Da tempo è convinto che l'unica parte spiacevole di ogni viaggio sia preparare la valigia. Ha scritto - e fotografato - per Panorama Travel, Viaggiando, That’s Italia, Corriere.it, I viaggi di Repubblica, Ilturista.info. Adora il mare della Grecia, le birre belghe, i romanzi americani e le moto tedesche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici e rimani sempre aggiornato!